MANDALA TERAPIA

By: | Tags: | Comments: 0 | Giugno 6th, 2017

Sede di Via Agnelli – tutti i mercoledì dalle ore 16.00 alle ore 17.00

 

Avrete visto sicuramente qualche volta i nostri ospiti impegnati nella coloritura dei Mandala, ma forse non tutti sanno cosa siano di preciso e quale sia l’utilità di questa attività. In primo luogo essa rientra in quella che si chiama più genericamente arte-terapia, che fornisce occasione per l’espressione di sé in maniera non verbale e per certi versi meno soggetta a critiche e giudizi, quindi tendenzialmente più spontanea, più sincera.

Il mandala però è un elemento simbolico che attraversa tutti i popoli e le culture, dall’antichità ad oggi. Quel cerchio che si dirama dal centro ai bordi (o che si raccoglie dai margini al cuore?) ha una funzione metafisica in ogni epoca. Viene tutt’oggi utilizzato per la meditazione dai monaci buddisti tibetani, che passano a terra ore, se non giorni, a comporli con la sabbia colorata, pregando e meditando, per poi distruggerli, a ricordare sempre la precarietà, la non eternità di ciò che ci circonda. Ritroviamo il mandala nelle finestre di vetro e nei rosoni delle chiese e cattedrali cristiane, a riportare il pensiero verso l’Eterno, il Divino e il Creatore. I mandala dei Nativi d’America sono molto simili a quelli tibetani, ma più legati ai rituali di guarigione, alla cura delle malattie e ad accompagnare i passaggi della vita della persona; nella cultura celtica l’elemento base del mandala è il nodo, l’intreccio, che spesso si ritorce su se stesso in un percorso senza fine.

È proprio il rimando alla dimensione dell’infinito, del cerchio eterno, assieme all’impostazione generalmente simmetrica, concentrica o comunque ritmica degli elementi del disegno ad attivare gli effetti benefici del mandala. La sua struttura rappresenta il movimento tra l’interno (la propria interiorità, lo spirito, la mente) ed l’esterno (l’ambiente, gli altri, tutto ciò che ci circonda). Il centro del mandala, a cui tutto arriva e da cui tutto riparte è come il centro di sé, dove poter ritrovare energia ed armonia. Colorare un mandala riorienta la persona, veicola la concentrazione e il rilassamento, placa l’ansia, riportando il respiro e la mente al proprio ritmo naturale. Si rivelano quindi molto utili per supportare la persona in momenti critici, perdite significative e cambiamenti importanti nel corso della vita, a qualsiasi età.

 

Leave a Reply

dieci − 6 =